Vivere di Musica ecco il segreto

Vivere di Musica, ecco il segreto!

In molti credono che il lavoro dei turnisti sia finito... la verità è che ci stiamo solo nascondendo nei nostri home studio! Mai come questo periodo storico, non basta essere un buon musicista per vivere di Musica, ognuno di noi, chi prima o chi dopo, dovrà confrontarsi con la necessità di essere: manager, arrangiatore, fonico, produttore e (molto spesso) in ultima istanza: musicista. 

Tutti abbiamo letto sulle riviste le gesta dei turnisti-jedi che nei tempi d'oro passavano le giornate saltando di studio in studio per registrare nei dischi delle popstars di turno. Un disco qui, un jingle fra tre ore, e poi prima di tornare a casa una bella session per qualche colonna sonora, tanto lavoro, tanti soldi e nemmeno un giorno off nei secoli dei secoli.. Amen! Sebbene turnisti come Steve Lukather, Michael Landau, Carl Verheyen, Nathan East ed un'altra decina di nomi blasonati anche all'epoca rappresentassero un'eccezione, oggi come mai, il mestiere del turnista come si intendeva all'epoca è davvero un'utopia.

Anche il concetto di studio è radicalmente cambiato, negli anni '80 le etichette pagavano migliaia di dollari per tenere una band in studio per mesi interi, oggi gli studi vengono affittati pochi giorni per finalizzare lavori cominciati in un project studio o addirittura nel salotto di casa di un membro della band. 

Allora la domanda mi sorge naturale: Se ho investito tanti anni nello studio dello strumento, convinto che un giorno avrei lavorato come turnista, come faccio a sopravvivere adesso che il mercato della Musica è completamente cambiato? Cominciamo con un' altra domanda: E' un bene o un male che sia cambiato? Io credo sia un bene, l'importante, dal punto di vista di chi cerca di vivere con la Musica, è evitare di fossilizzarsi su clichet ormai morti e sepolti e concentrarsi sulle nuove possibilità che questo cambiamento può offrire. Anche quando i super-turnisti la facevano da padrone, il mondo era pieno di professionisti che vivevano dignitosamente ed a volte anche molto meglio in termini di continuità e di crescita. Oggi più che mai, la questione si fa rilevante: come posso ottenere la continuità lavorativa di cui ho bisogno per vivere? 

Guardando la mia agenda, nell'ultimo anno ho gestito più di 20 lavori contemporaneamente, prodotto dischi, scritto Musica per la televisione, collaborato con band emergenti, trascritto Musica inedita per i depositi alla SIAE,  prodotto registrato e programmato un virtual instrument, realizzato il nuovo video corso, senza parlare del web e delle attività non collegate direttamente alla Musica, ah già! ... poi ho anche fatto il turnista in un paio di tour. Posso garantirti che se avessi dovuto sostentarmi con i soli guadagni dei tour e delle registrazioni, oggi sarei in seria difficoltà economica.

Ma come si riesce ad ottenere una tale continuità e soprattutto, come è possibile creare una solida base di clienti? 

Agli inizi (20 anni fa), ho cominciato a lavorare gratis, tutto quello che mi interessava era suonare e dimostrare di essere in gamba, questo mi ha permesso di conoscere persone che la pensavano come me, mi ha dato modo di creare connessioni. Non è un caso che molte delle persone con cui collaboro oggi, sono amici che hanno iniziato con me tanti anni fa. Ho cominciato a fare produzioni sperimentando con i software nella mia stanzetta con un pc preso a rate ed un paio di cuffie, registrando demo di ex fidanzate cantanti, ed aggiustando i suoni delle basi midi. Ho imparato a scrivere facendomi sfruttare dall'editore di turno senza vedere una lira per anni ed anni. L' importante è sempre stato: dare il meglio, ma soprattutto non fossilizzarmi.
 Un giorno qualcuno mi disse: “Ogni nota che registri  o parola che scrivi è un segno che lasci nel tempo, e prima o poi qualcuno la ascolterà e quel qualcuno potrebbe essere un gradino più in alto di dove sei tu adesso. Pian piano comincerai a quantificare il valore di  quello che produci e così l' ingranaggio comincerà a girare a dovere”. E tu? Hai mai provato a vivere di Musica? Com' è andata? 

Mi farebbe piacere conoscere un po' della tua esperienza, lasciami un commento di seguito e scambiamo due chiacchiere...

 

Nel Blog

Ecco gli ultimi articoli pubblicati sul mio blog: tutti i consigli che avrei voluto e le considerazioni che mi sarebbe piaciuto fare quando ero un giovane chitarrista in fasce. Il terzo lunedì di ogni mese potrai trovare in questa sezione un nuovo articolo riguardo la Professione del Musicista, i Consigli per lo studio e qualche spunto per ritrovare Motivazione e creatività.